Il ritorno dei Ritmo Tribale – live a Mantova

Standard

Emersi dalla Milano degli Anni Ottanta, i Ritmo Tribale fino al loro scioglimento sono stati tra le realtà più importanti dell’alternative rock italiano. Figli di un’epoca in cui fare musica “indie” significava sudore, tecnica, impegno sociale e passione, e allo stesso tempo fratelli maggiori per alcune delle band che hanno segnato il decennio successivo.  La notizia del loro tour di reunion porta con sé molte domande sul come sia cambiato radicalmente il mondo musicale, sull’oblio che ha caratterizzato un gruppo di questo livello e soprattutto sulle capacità dei Ritmo Tribale di stare sul palco vent’anni dopo il periodo d’oro di Mantra e Psycorsonica. Tutto questo e molto altro, ha avuto una sua risposta sabato all’Arci Tom di Mantova.
In un’epoca di riflusso per la musica live, Mantova non si muove di certo in controtendenza: presenti sotto palco un centinaio di fan, perlopiù provenienti da fuori provincia e visibilmente reduci di quella stagione musicale. Dopo l’intensa esibizione di apertura dei Two hicks & one Cityman, l’attesa si fa grande. I Ritmo Tribale salgono sul palco e contagiano il pubblico con le vibrazioni di “L’assoluto”: le chitarre granitiche e i colpi precisi del basso di Briegel Filippazzi dimostrano la potenza di un gruppo tornato in grande stile. “Base Luna” avvolge il Tom con le sue spire psichedeliche su base hard-rock, mentre la band non sta ferma un attimo come se fosse in preda ad una crisi epilettica. Fantastica e commovente, “Oceano” fa la sua comparsa a inizio del set: tutti la cantano a squarciagola insieme a Scaglia e si fanno trascinare dalla melodia del ritornello; probabilmente un brano tra i migliori della loro discografia e che è anche la fotografia musicale di un’epoca. “La mia religione” riporta il concerto al livello di assalto sonoro con quel misto di hard-rock, influenze psichedeliche e hardcore frettolosamente etichettato come “grunge”. Un misto straniante ed efficace che esplode anche tra le note cross-over di “Ti Detesto”, possente e incendiaria nella sua resa live. Dal palco, Scaglia omaggia e saluta Milena detta “Milly” che ci ha lasciati poche settimane fa, scatenando un lungo applauso. Noti come campioni nella creazione di ballad toccanti, i Ritmo Tribale offrono anche una versione intima e da brividi di “Universo” e di “Uomini”. Avvicinandosi il gran finale, la band concede il bis e dal passato remoto della band spuntano una eccellente “Kriminale” e una “Bocca chiusa” al fulmicotone che chiudono alla grande il concerto.

Advertisements

QUICKSAND LIVE AL SANTERIA SOCIAL CLUB

Standard

IMG_20171121_230101351-01Nati nel 1990, i Quicksand sono una di quelle band di culto conosciute da una nicchia ristretta di appassionati: partoriti dal turbine dell’hardcore newyorchese e alfieri di un suono contaminato, emotivo e sferragliante che, con soli due album, ha scritto alcune delle pagine più intense dell’alternative dell’epoca. Ventidue anni dopo lo scioglimento repentino, una mezza reunion nel 2012 e un album notevole uscito da poche settimane, i Quicksand arrivano a Milano per l’unica data italiana del tour di presentazione di “Interiors”.
L’esibizione di apertura delle “No Joy” non crea grande entusiasmo, vuoi per la materia musicale o per il semplice fatto che i kids degli anni Novanta arrivati da tutto il Nord Italia, stanno aspettando gli autori di “Slip” e “Manic Compression”. Poco dopo le 22.30 salgono sul palco il batterista Alan Cage, Sergio Vega al basso e l’incontenibile cantante-chitarrista Walter Schreifels. Nonostante il passare degli anni non li abbia minimamente scalfiti, Schreifels e Vega portano on stage quattro lustri di esperienza musicale: dagli infiniti progetti paralleli del veterano chitarrista della scena hardcore, alla lunga militanza nei Deftones del bassista di origine portoricana. La band apre con “Fazer”, anche se l’avvio appare incerto, probabilmente per qualche assestamento sonoro necessario per rendere l’impatto del trio. La mancanza di Tom Capone non si fa sentire: i deragliamenti di chitarra di Schreifels su brani come “Too Official” sono efficaci e cementano il muro di suono della band. Il giro di basso di “Head to wall” suonato da Sergio Vega che per tutto il concerto sorride e ammicca al pubblico, prepara l’esplosione collettiva nel ritornello. L’assalto sonoro prosegue con l’incendiaria “Unfulfilled”  dove l’energico chitarrista si lancia in un assolo noise da manuale. La calma apparente di “Freezing Process” deflagra in uno dei brani più emo della produzione dei Quicskand, in cui il pubblico del Santeria Social Club si ritrova a cantare il ritornello in un unico grande coro. La granitica “Lie and Wait” non delude dal vivo e dimostra la sua carica e intensità fino al gran finale hardcore. Fan in delirio per “Delusional”, tra le vere hit ascrivibili alla band, che sul palco viene suonata con una energia cupa che a tratti divaga nella psichedelìa. Dal nuovo album la band pesca giusto il necessario, mentre il grosso del concerto copre i due album seminali del 1993 e del 1995: da “interiors”, ad esempio, arriva il singolo preciso e affilato“Illuminate”, che vede Schreifels continuare ad agitarsi e saltare come un dannato. Il riff travolgente di “Thorn in my side” scatena il pubblico in un delirio in cui tutti cantano sopra le note di un pezzo che ha fatto la storia del post-hardcore. “Cosmonauts” dall’ultimo album, regala attimi di rara bellezza con il suo incedere sofferto e sognante che guarda direttamente al progetto di Schreifels dei Rival Schools. Gran finale emo sulle note dolceamare di “Skinny (it’s overflowing)”.